Combattere l’ictus – Fight the stroke

Combattere l’ictus, in inglese, si traduce in “Fight the stroke“che è anche il nome di un’associazione nata sei anni fa grazie all’idea ed all’impegno dei genitori di un bambino colpito da ictus.
Sono stato oggi all’evento TEDMEDLive2017-Fightthestroke, presso il Politecnico di Milano, patrocinato appunto da questa associazione, che già avevo incontrato a fine settembre durante il Forum della Sostenibilità nel settore della Salute, alla Leopolda di Firenze.
Perchè ne scrivo? Perchè si tratta di un tema legato alla salute dei bambini, potenzialmente invalidante a livelli più o meno gravi, perchè tra Firenze e Milano sono riuscito a conoscere e parlare personalmente coi due genitori fondatori per capire se il loro progetto “Mirrorable“, sviluppato da un’equipe di alta specializzazione scientifica e che applica il concetto dei “neuroni specchio”, potesse essere utile per lo sviluppo cognitivo di Luca e, dulcis in fundo, perchè ho scoperto che l’ospedale Gaslini di Genova ha avviato, da poco più di un mese, una collaborazione con questa associazione per fondare il primo Centro Stroke Neonantale e Pediatrico italiano.
Andando a cercare un pò ho trovato un video che ne parla e che condivido qui: oggi al TEDMED di Milano erano presenti alcuni tra gli specialisti dell’ospedale Gaslini coinvolti in questo progetto che, come spiegavano durante una riunione coi soli genitori interessati, prevede una serie di esami per l’accertamento dell’ictus in età pediatrica, esami che vengono svolti da un’equipe dedicata: il progetto e l’equipe hanno lo scopo di effettuare tutti gli esami necessari in breve tempo e coordinati da una sola struttura ospedaliera, quella del Gaslini appunto, così da accelerare il tempo di indagine.
Ciao, Mauro.

Lascia un commento